WhiteBlood Foundation
Loaded
The Pfizer
New artistic project (PHEROMONE)
Pheromone

Original Stock Certificates Pfizer Inc.

 

scroll down for Italian version

As already highlighted in WhiteBlood Napster, man is, at the same time, a fugitive from danger but greedy for gains.

This is the principle underlying the analytical richness of the philosophy of the great Nicolo Machiavelli.

The dematerialization of wealth creates insecurity in man, but driven by greed, man is driven to ever more daring financial speculations which have been partially offset by the possession of objects representative of wealth such as shares in paper form.
The stock was the last bastion of a physical and material representation of wealth.
Paper that deprives goods, machinery, desks, men and women of matter and blood and which is definitively extinguished at the digital frontier, becoming simple information, shreds of bits supported by other shared substructures that are defined as real for this reason alone. , the fragile reality, therefore, the theme of the philosophical and artistic investigation of the WhiteBlood collective.

The collective exhumes the paper and the title, now devoid of any value and charges it with substance, art, color and human warmth and thus takes up materiality, strength, value, humanity, uniqueness, gravitational dance between opposite values ​​that disorients, annihilates and that it evokes the primordial pheromone of possession, of control, an archaic thrust in the human being.

The paper thus returns to being real, in its ecosystem that actually brings back the value, the money, the work that that paper represented or claimed to represent.

The title had value because it represented a value recognized by the reference system.

The title lives on today and becomes Art.

Art that takes on value and therefore returns to being a commodity and to be exchanged between collectors capable of grasping the multiple vibrations and conceptual alliterations that this Work can offer.

Pfizer’s work is heavy, full of meaning, it represents dissolution and recomposition, it presents a point of contact with the title because art exists, if enjoyed, possessed, touched, exchanged.

And all these meanings seem compressed in the Work which is pushed, broken, compressed, closed, dissolved and reassembled with sudden and uncontrolled escapes.

the desire for contact and possession is also amplified by a lively, seething, erotic and rampant aesthetic.

Pfizer is the first work to be represented as a 9-piece original artwork from Pfizer Inc.

The present work “Pfizer Wall” which leads the collective to the creation of a wall dedicated to the pharmaceutical company Pfizer capable of offering a historical and current cross-section of contemporary society.

The wall will be composed of 9 original pieces and full of the artistic warmth of our collective of artists, researchers and craftsmen.

 

ITALIAN

 

Come gi evideniato nel WhiteBlood Napster, l’uomo è, al tempo stesso un fuggiasco dai pericoli ma avido di guadagni.

Questo è il principio alla base della ricchezza analitica della filosofia del grande Nicolo Machiavelli.

La smaterializzazione della ricchezza crea nell’uomo insicurezza, ma spinto dall’avidità, l’uomo è spinto a speculazioni finanziarie sempre più audaci che sono state in parte compensate dal possesso di oggetti rappresentativi della ricchezza come le azioni in forma cartacea.
Il titolo azionario era l’ultimo baluardo di una rappresentazione fisica e materiale della ricchezza.
Carta che priva di materia e sangue merci, macchinari, scrivanie, uomini e donne e che si estingue definitivamente alla frontiera digitale, diventando semplici informazioni, brandelli di bit supportati da altre sottostrutture condivise che solo per questo si definiscono reali. , la realtà fragile, dunque, il tema dell’indagine filosofica e artistica del collettivo WhiteBlood.

Il collettivo riesuma la carta e il titolo, ormai privi di ogni valore e lo carica di sostanza, arte, colore e calore umano e riprende così matericità, forza, valore, umanità, unicità, danza gravitazionale tra valori opposti che disorienta, annienta e che evoca il feromone primordiale del possesso, del controllo, una spinta arcaica nell’essere umano.

La carta torna così ad essere reale, nel suo ecosistema che riporta in realtà il valore, il denaro, l’opera che quella carta rappresentava o pretendeva di rappresentare.

Il titolo aveva valore perché rappresentava un valore riconosciuto dal sistema di riferimento.

Il titolo oggi rivive e diventa Art.

Arte che prende valore e torna quindi ad essere merce e da scambiare tra collezionisti capaci di cogliere le molteplici vibrazioni e allitterazioni concettuali che quest’Opera può offrire.

L’opera di Pfizer è pesante, carica di significato, rappresenta la dissoluzione e la ricomposizione, presenta un punto di contatto con il titolo perché l’arte esiste, se goduta, posseduta, toccata, scambiata.

E tutti questi significati sembrano compressi nell’Opera che viene spinta, spezzata, compressa, chiusa, dissolta e ricomposta con fughe improvvise e incontrollate.

il desiderio di contatto e di possesso è amplificato anche da un’estetica vivace, ribollente, erotica e dilagante.

Pfizer è la prima opera ad essere rappresentata come un’opera d’arte composta da 9 pezzi originali di Pfizer Inc.

Il presente lavoro “Pfizer Wall” che porta il collettivo alla realizzazione di un wall dedicato all’azienda farmaceutica Pfizer capace di offrire uno spaccato storico e attuale della società contemporanea.

La parete sarà composta da 9 pezzi originali e carichi del calore artistico del nostro collettivo di artisti, ricercatori e artigiani.



 

 
Pheromone

Original Stock Certificates Pfizer Inc.

 

scroll down for Italian version

As already highlighted in WhiteBlood Napster, man is, at the same time, a fugitive from danger but greedy for gains.

This is the principle underlying the analytical richness of the philosophy of the great Nicolo Machiavelli.

The dematerialization of wealth creates insecurity in man, but driven by greed, man is driven to ever more daring financial speculations which have been partially offset by the possession of objects representative of wealth such as shares in paper form.
The stock was the last bastion of a physical and material representation of wealth.
Paper that deprives goods, machinery, desks, men and women of matter and blood and which is definitively extinguished at the digital frontier, becoming simple information, shreds of bits supported by other shared substructures that are defined as real for this reason alone. , the fragile reality, therefore, the theme of the philosophical and artistic investigation of the WhiteBlood collective.

The collective exhumes the paper and the title, now devoid of any value and charges it with substance, art, color and human warmth and thus takes up materiality, strength, value, humanity, uniqueness, gravitational dance between opposite values ​​that disorients, annihilates and that it evokes the primordial pheromone of possession, of control, an archaic thrust in the human being.

The paper thus returns to being real, in its ecosystem that actually brings back the value, the money, the work that that paper represented or claimed to represent.

The title had value because it represented a value recognized by the reference system.

The title lives on today and becomes Art.

Art that takes on value and therefore returns to being a commodity and to be exchanged between collectors capable of grasping the multiple vibrations and conceptual alliterations that this Work can offer.

Pfizer’s work is heavy, full of meaning, it represents dissolution and recomposition, it presents a point of contact with the title because art exists, if enjoyed, possessed, touched, exchanged.

And all these meanings seem compressed in the Work which is pushed, broken, compressed, closed, dissolved and reassembled with sudden and uncontrolled escapes.

the desire for contact and possession is also amplified by a lively, seething, erotic and rampant aesthetic.

Pfizer is the first work to be represented as a 9-piece original artwork from Pfizer Inc.

The present work “Pfizer Wall” which leads the collective to the creation of a wall dedicated to the pharmaceutical company Pfizer capable of offering a historical and current cross-section of contemporary society.

The wall will be composed of 9 original pieces and full of the artistic warmth of our collective of artists, researchers and craftsmen.

 

ITALIAN

 

Come gi evideniato nel WhiteBlood Napster, l’uomo è, al tempo stesso un fuggiasco dai pericoli ma avido di guadagni.

Questo è il principio alla base della ricchezza analitica della filosofia del grande Nicolo Machiavelli.

La smaterializzazione della ricchezza crea nell’uomo insicurezza, ma spinto dall’avidità, l’uomo è spinto a speculazioni finanziarie sempre più audaci che sono state in parte compensate dal possesso di oggetti rappresentativi della ricchezza come le azioni in forma cartacea.
Il titolo azionario era l’ultimo baluardo di una rappresentazione fisica e materiale della ricchezza.
Carta che priva di materia e sangue merci, macchinari, scrivanie, uomini e donne e che si estingue definitivamente alla frontiera digitale, diventando semplici informazioni, brandelli di bit supportati da altre sottostrutture condivise che solo per questo si definiscono reali. , la realtà fragile, dunque, il tema dell’indagine filosofica e artistica del collettivo WhiteBlood.

Il collettivo riesuma la carta e il titolo, ormai privi di ogni valore e lo carica di sostanza, arte, colore e calore umano e riprende così matericità, forza, valore, umanità, unicità, danza gravitazionale tra valori opposti che disorienta, annienta e che evoca il feromone primordiale del possesso, del controllo, una spinta arcaica nell’essere umano.

La carta torna così ad essere reale, nel suo ecosistema che riporta in realtà il valore, il denaro, l’opera che quella carta rappresentava o pretendeva di rappresentare.

Il titolo aveva valore perché rappresentava un valore riconosciuto dal sistema di riferimento.

Il titolo oggi rivive e diventa Art.

Arte che prende valore e torna quindi ad essere merce e da scambiare tra collezionisti capaci di cogliere le molteplici vibrazioni e allitterazioni concettuali che quest’Opera può offrire.

L’opera di Pfizer è pesante, carica di significato, rappresenta la dissoluzione e la ricomposizione, presenta un punto di contatto con il titolo perché l’arte esiste, se goduta, posseduta, toccata, scambiata.

E tutti questi significati sembrano compressi nell’Opera che viene spinta, spezzata, compressa, chiusa, dissolta e ricomposta con fughe improvvise e incontrollate.

il desiderio di contatto e di possesso è amplificato anche da un’estetica vivace, ribollente, erotica e dilagante.

Pfizer è la prima opera ad essere rappresentata come un’opera d’arte composta da 9 pezzi originali di Pfizer Inc.

Il presente lavoro “Pfizer Wall” che porta il collettivo alla realizzazione di un wall dedicato all’azienda farmaceutica Pfizer capace di offrire uno spaccato storico e attuale della società contemporanea.

La parete sarà composta da 9 pezzi originali e carichi del calore artistico del nostro collettivo di artisti, ricercatori e artigiani.



 

 
The Napster
SCRIPOPHILY