WhiteBlood Foundation
Loaded
Sake of the Environment
Innovation Art Material and Carbon Neutrality
 
Towards Carbon Neutrality

Sake of the Environment

 

ENGLISH

The Venice Biennale in its 59th edition has decided to commit itself in a tangible way by promoting a more sustainable model for the setting up and running of its events in order to achieve carbon neutrality.

Eng. Sergio Durante, founding member of the WhiteBlood collective, has participated in numerous international projects as a consultant and also through his own companies concerning the use and recycling of carbon.

The reuse of raw materials will make it possible to obtain advantages in terms of a reduction in energy consumption, and therefore in polluting emissions.The entire creative process takes place with sustainable production methods based on the reuse of waste materials, helping to guarantee the possibility of a new life for those materials that currently, once they have reached the end of their use, were destined for disposal.

The Carbon Penguin project intends to exploit the carbon of cars and aircraft produced by now for use in their own fields of exploitation.

The work is made with recycled carbon fibers and the material used has a traceable origin and which allows for the coloring of cultural and artistic content.

The Carbon Penguin project intends to exploit the carbon of cars and aircraft produced by now for use in their own fields of exploitation.

ITALIANO

La Biennale di Venezia alla sua 59esima edizione ha deciso di impegnarsi in modo tangibile promuovendo un modello più sostenibile per l’allestimento e svolgimento delle proprie manifestazioni per giungere al conseguimento della neutralità carbonica.

L’ing. Sergio Durante socio fondatore del collettivo WhiteBlood ha partecipato a numerosi progetti internazionali in qualità di consulente e anche tramite le proprie aziende aventi ad oggetto l’utilizzo e il riciclo del carbonio.

Il reimpiego delle materie prime consentirà di ottenere vantaggi in termini di una riduzione del consumo di energia, e dunque di emissioni inquinanti.


L’intero processo creativo avviene con modalità di produzione sostenibili basate sul riutilizzo di materiali di scarto, concorrendo a garantire possibilità di una nuova vita a quei materiali che attualmente, una volta giunti al termine del proprio uso, venivano destinati allo smaltimento.

Il progetto Carbon Penguin intende sfruttare il carbonio di autoveicoli ed aeromobili prodotti oramai giunti al fine uso nei propri ambiti di sfruttamento.

L’Opera viene realizzata con fibre di carbonio riciclato e il materiale utilizzato ha una origine tracciabile e che consente di colorare di contenuti culturali e artistici.

Il progetto Carbon Penguin intende sfruttare il carbonio di autoveicoli ed aeromobili prodotti oramai giunti al fine uso nei propri ambiti di sfruttamento.





 

 
The Live Carbon
Innovation Art & Technology